Seleziona una pagina

Cinzia Zanotti racconta lo spirito del Geas Sesto San Giovanni a Meet The Best

Cinzia Zanotti
Al Geas ho trovato dei valori che mi hanno migliorato come giocatrice e come persona.

Lo sport insegna a saper vivere e a saper lavorare.

I valori del Geas:

• Appartenenza
• Passione
• Etica

L’appartenenza nasce nel settore giovanile: lavoriamo collaborando con altre società per poter dare a tutte la possibilità di giocare anche pasta l’età giovanile.
Lavoriamo per creare giocatrici per la nostra serie A.

Etica della persona
Nel mondo femminile le giocatrici sono semiprofessioniste.
E’ compito nostro che lavoriamo con le giocatrici, far capire loro che devono pensare non solo alla pallacanestro ma anche allo studio e alla carriera.
Un esempio?
Un anno abbiamo fatto A2 con 10 giocatrici del nostro settore giovanile.
Di queste 8 sono laureate.
Etica della persona perché bisogna saper stare all’interno di una squadra.

4 persone che incarnano questi valori

• Martina Crippa
• Ilaria Panzera, 2002, gioca con la prima squadra da 3 anni
• Cecilia Zandalasini
• Giulia Arturi

Oggi la nazionale femminile ha vinto 13 medaglie d’oro: in questo c’è molto del Geas.

Il lavoro della giovanili è davvero ottimo.

Crescere al Geas

Il nostro fine non è vincere lo scudetto, ma lavorare sul settore giovanile per far sentire la giocatrice al cento di un progetto.
Il lavoro può o meno portarci allo scudetto, ne è una conseguenza.

Un evento incredibile

2012 Autoretrocessi in A3 per problemi economici

Come siamo arrivati alla A1?
Nella stagione 2017-2018 il nostro presidente a una settimana dal campionato ha comunicato che non poteva rispettare i contratti, lasciandole libere di scegliere.
Le ragazze si riunirono e decisero di giocare senza stipendi.

Quest’intervista a capitan Giulia Arturi ne parla approfonditamente.

Questo articolo è stato letto da una persona in particolare che si è appassionato al valore dell’appartenenza ed ha provveduto lui a sostenere la squadra.
E’ una persona che ha scelto rimanere anonimo.
Vincemmo la A2 ed arrivò Allianz.

Il nostro Budget oggi

Raccogliamo a dir tanto 500.000 €

76% speso sulla prima squdra
Queste spese aiutano il settore giovanile. Tipo i medici sono dedicati alla prima squadra ma vengono utilizzati anche dal settore giovanile

compensi
Questa cifra è così suddivisa:
53% Atlete e staff
21% Contributi FIP – Lega
26% Altre spese

•21,5% speso nel Settore giovanile
41,5%  
compensi staff
20,5% affitto palestre
16% trasferimenti atlete

Spese varie 2,5%
54% 
Materiale medico
10% Spese bancarie
36% Spese extra

Secondo la mia esperienza  si può trarre un guadagno dallo sport, cerchiamo almeno di chiudere in pareggio.

Le spese per giocare – lega e federazione –  sono incredibili:
noi paghiamo 70.000€ a FIP + 15.000€ alla lega
In spagna se ne pagano 10k alla Federazione e non ci sono leghe

Lo Staff

Il ruolo fondamentale è quello del medico, del fisioterapista e del preparatore atletico.
Abbiamo inserito il General manager che si occupa con le ragazze di cose di ordine non tecnico (soldi, case, trasporti..).
Sullo staff abbiamo un grande collegamento dal giovanile alla prima squadra: io alleno la A ma il mio staff è composto da allenatori provenienti dal settore giovanile.

Il roster

Vengono dal settore giovanile: scelgo spesso giocatrici di età bassa, anche perché non possiamo vincere lo scudetto.
Quindi il nostro obiettivo non è lo scudo, ma valorizzare il settore giovanile.
Se dobbiamo fare delle scelte, scegliamo giocatrici giovani.