Seleziona una pagina

Marco Giordani a Meet The Best 2019
Il contenuto basket: l’approccio omnichannel

Marco Giordani è il CFO (Chief Financial Officer) di Mediaset. 

Iter del contenuto
1. Produzione
2. Passione
3. Brand
4. Monetizzazione

Cosa significa?
Il contenuto alimentato dalla passione stimola del brand che vanno monetizzati.

Oggi questo meccanismo si è un po’ incrinato

Come sta il basket italiano oggi?

Dati CONI

  • Praticanti basket: 4%
  • Audience TV:
    Campionato 2009 – 2019: salgono da 123.000 del 2013 a 136.000 persone di oggi
    Coppe europee: si passa da 28.000 del 2016 a 55.000 del 2019

Ma prima del 2013 la percentuale di ascolti era molto più ampia: nel 1983 si parlava di 518.000 ascolti. 

il fattore Tv negli anni 80/90 è stato un fattore trainante
I dati dimostrano un progressivo deterioramento degli spettatori.
Emerge che i cambiameti sttuturali del settore media portano la tv a non essere più un media trainante per ricchezza e promozione della pallacanestro come media unico

Il consumo di TV si è dimezzato, ma in realtà in Inghilterra per esempio guardano la tv per 5h ore.
Come è possibile?
Il 70% di queste 5 ore sono broadcast:

  • Svod = Netflix
  • YouTube

I nostri “concorrenti” di oggi:

 

Cosa significa tutto questo?
Il contenuto video che prima si vedeva praticamente solo in televisione, oggi si sta polverizzando su altri device.

L’interesse verso lo sport dimostrato è preoccupante nella classe 18-24 anni perché è il più basso in tutte le altre classi di età.

Tra i 16 e i 34 anni in Inghilterra il contenuto è visto per 4 ore e mezza, ma quello prodotto e veicolato dalle televisioni è solo il 42%.
La visione dei contenuti è così suddivisa:

Un terzo del contenuto è visto su Netflix
Un terzo in televisione
Un terzo su YouTube
La conclusione che possiamo trarre è quasi logica: se vogliamo continuare a colpire il nostro target con la stessa frequenza del 1983 dovremo necessariamente essere come il nostro target: omnicanale.

La situazione del basket italiano da una breve analisi della rete

Confronto tra Nazionali 

@Federvolley

@Italbasket

Ci rubano davvero i giocatori o sono semplicemente più bravi?

Confronto tra Club

Olimpia Milano

Fan su Facebook

Follower su Twitter

Iscritti YouTube

Follower Instagram

Fan in totale

Fenerbahce Istanbul

Fan su Facebook

Follower su Twitter

Iscritti YouTube

Follower Instagram

Fan in totale

Stefano Tonut (Giocatore Reyer Venezia)

Fan su Facebook

Follower su Twitter

Iscritti YouTube

Follower Instagram

Fan in totale

Alberto Urso (Vincitore di Amici 2019)

Fan su Facebook

Follower su Twitter

Iscritti YouTube

Follower Instagram

Fan in totale

In sintesi

• il numero dei praticanti cresce
• il numero delle persone che vengono a contatto tramite la televisione scende
• il contenuto moderno viene fruito in modo frammentato: non viene consumato solo in TV
• non si parla di contenuto multichannel ma OMNICANALITA’

OMNICANALITA’ 
Se fino ad oggi siamo stati presenti su uno o due canali, ora dobbiamo necessariamente considerare l’idea di essere su tutti i canali in cui è presente il nostro target.

La vera partita vince se si trova equilibrio tra engagement e risorse:
ci sono più opportunità di 20 anni fa ma il mestiere è diventato molto più professionale: oggi sono necessarie più competenze e più relazioni.
Allenamento, valore, tecnologia, processi e organizzazione.
Il digitale sta cambiando il mondo, le vecchie regole sembrano non funzionare più.
L’uomo è fatto di passioni, scommetterci deve essere l’obiettivo di tutte le attività che intraprendiamo. 

 

Il quintetto dell’omnichannel

 

• PASSIONE
La fiamma della passione va alimentata ogni giorno perché la passione è cuore di ogni contenuto.
L’elemento passione si materializza nel brand che diventa icone della passione

• DATI & ENGAGEMENT
Nel passato il brand entrava a contatto con gli appassionati facilmente a seguito di uno o due accordi: mezz’orda di domenica sportiva.
Oggi agli appassionati vanno ingaggiati uno a uno. Raggiungendoli sul dispositivo quando e dove preferisce.
E’ evidente che senza tech e dati non si possono raggiungere grandi audience.
Devo ricordare spesso al mio audience, essere sempre presente, devo passare sotto al naso spessissimo.
A mio figlio passa l’armano sotto il naso.
Devo lavorare con giocatori, sponsor, federazione etc.
Omnichannel forse diventa anche omnipersone: tutta la società lavora su più dispositivi per colpire il target da più persone e più device, media e device.
Bisognerebbe capire chi è il mio target, chi è il signor Giordani, cosa gli piace, dove sta, quando apre il telefono.

• MONETIZZAZIONE
Punto chiave.
Non solo una grande community ma tante community legate ad un interesse.
Il gioco di squadra è essenziale, le risorse vanno cercate dove sono: pubblico – investitori pubblicitari genitori spendono per i figli- imprese legate al territorio – non profit – ragazze e non solo maschi – over40 – sport e gaming

Il terreno è fertilissimo: bisogna lavorare.

Vero che bisogna darsi da fare, ma mancano le risorse: i dirigenti, che sono quelli che devono creare valore, non sono in grado. Perché non conoscono il mezzo, non sanno fare le foto, figurati se fanno fare dei video o una strategia media
C’è bisogno di aiuto da sopra, di fare squadra con un campetto che dia le regole.

Marco suggerisce di creare una formazione a livello di lega o di federazione.
A livello di squadra devo chiedere ai giocatori nuovi di postare le mie news.
La società deve dotarsi di analisti di dati per capire cosa deve fare.
Parlare di egaming.

ps. STUDIA COSA FA FIPAV, PARLA CON LORO